Home » Europa » Romania rafforza il mercato del gioco d’azzardo online

Romania rafforza il mercato del gioco d’azzardo online

La Romania si sta convertendo in uno dei paesi dell’Europa orientale in cui l’industria del gioco d’azzardo ha una grande incidenza. Nel paese è cambiato il panorama del segmento dei giochi online, soprattutto dal punto di vista normativo.

Sollecitati dalla Commissione Europea e dalla crescente domanda delle varie opzioni legate al gambling online e alle scommesse sportive, i legislatori rumeni hanno introdotto alla fine del 2014 una legge per regolamentare l’industria nel paese. Dopo diverse modifiche la normativa è entrata in vigore lo scorso anno.

Con l’introduzione della nuova legge, la Romania si è convertita in un’altra delle giurisdizioni in cui il mercato delle scommesse sportive e del gioco d’azzardo online è regolamentato, che ha tutte le carte in regola per soddisfare la crescente domanda nel settore e i requisiti attuali richiesti dai legislatori dell’ Unione Europea. Lo Stato risulta così nella lista dei paesi comprendente Islanda, Norvegia, Liechtenstein e Svizzera, in cui gli operatori internazionali e i fornitori con sede in tutta l’UE possono iniziare ad offrire i loro prodotti.

Il mercato regolamentato del gioco d’azzardo online della Romania sta creando molto interesse, sia all’interno che all’esterno del paese. Alcuni dei fornitori più riconosciuti di gioco online e scommesse sportive di tutto il mondo hanno chiesto una licenza locale. Secondo i dati pubblicati all’inizio di quest’anno, le entrate fiscali sono ammontate a circa 269 milioni di euro in tasse nel 2015, il 71 per cento in più rispetto all’anno precedente .

Un numero significativo degli operatori che si erano dimostrati interessati a far parte del mercato rumeno, hanno ottenuto licenze temporanee lo scorso anno, mentre i legislatori e le autorità di regolamentazione dell’Ufficio Nazionale di Gioco, hanno cercato di perfezionare la nuova legge al fine di fornire un quadro esaustivo capace di apportare benefici alle parti coinvolte nel miglior modo possibile.

La creazione di un sistema fiscale adeguato ha rappresentato una parte importante nel processo di miglioramento della legge. Prima della sua approvazione, gli operatori rumeni erano tassati del 25% sui profitti generati. La nuova legge è stata caratterizzata dall’introduzione di un sistema di tassazione a tre livelli, molto simile a quella vigente in Spagna.

Secondo il nuovo regolamento, gli operatori dovranno pagare l’1% per i ricavi compresi tra 133 e 15.000 euro, il 16% per i ricavi compresi tra 15.000 e 100.000 euro e il 25% per i ricavi di oltre 100.000 euro. Il sistema a tre livelli si applicherà per tutta la durata della licenza.

E’ importante sottolineare che le licenze hanno una validità di 10 anni. L’ente regolatore del gioco d’azzardo in Romania ha cominciato a concedere licenze permanenti agli operatori e fornitori internazionali e nazionali all’inizio di quest’anno.

Negli ultimi mesi, alcuni dei brand più riconosciuti al mondo sono stati autorizzati a entrare ufficialmente nel paese per offrire i loro prodotti ai clienti di gioco locale. Tra questi PokerStars, BetStars, 888 Holdings NetEnt e Microgaming.

In Romania, il gioco è una delle industrie che sono cresciute di più e si prevede che in seguito alla regolamentazione continuerà la sua ascesa. Secondo i dati censiti dall’ente di gioco locale e pubblicati dai media locali, all’inizio di quest’anno, i giocatori rumeni hanno speso nel 2015 circa 1000 milioni di euro in scommesse e gioco d’azzardo online. Gli analisti hanno affermato che i giocatori di questo paese sono molto attivi: le scommesse su calcio e tennis sono tra le più popolari.

Il fatto che alcuni grandi operatori e fornitori di gioco d’azzardo sono entrati o stanno per entrare in questo mercato, è dovuto alla legge recentemente adottata, basata su norme che si sono già dimostrate efficaci in altre giurisdizioni europee. Il mercato regolamentato in Romania è carico di buoni auspici per i mesi a venire: si prevede una crescita dei ricavi da parte delle imprese oltre che delle entrate fiscali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*
*